PENSARTI GRANDE, PENSARTI ANCHE CON LORO

L’ultima Amministrazione ha avuto nei confronti degli animali e dell’ambiente, una attenzione non adeguata all’importanza e all’urgenza di questi temi, sempre più sentiti dall’opinione pubblica. Gli Assessori responsabili sono stati a dir poco un problema più che rappresentare la soluzione per i tanti problemi che quotidianamente un’Amministrazione, anche solo per gli obblighi di Legge, è chiamata ad affrontare riguardo gli animali.

Le inutili promesse e le ricette miracolose che ad ogni tornata elettorale vengono riproposte, poi puntualmente disattese, non fanno altro che togliere speranza alle persone e allontanarle dalla vita pubblica e politica. Invece, ora più che mai è impellente il bisogno di attivarsi per scrivere un futuro migliore per la nostra comunità.

Siamo fermamente convinti che ciascun essere vivente abbia il diritto di vivere una vita dignitosa e chi è chiamato a rappresentarlo, questo diritto, ha il dovere di impegnarsi renderlo possibile tutto.

I punti principali che guideranno la nostra azione politica possono essere così sintetizzati:

Tutela del benessere animale

  1. Mantenere un’interlocuzione permanente tra l’amministrazione comunale e le associazioni animaliste per programmare ed organizzare le attività e le azioni promuovendo una vasta gamma di progetti rivolti a cittadini di tutte le età, dalle scuole alle case di riposo, per educare e sensibilizzare la comunità al rispetto degli animali nonché alla tutela ed alla salvaguardia dei diritti degli animali e contro i fenomeni di randagismo;
  2. Migliorare le convenzioni esistenti tra Comune ed associazioni animaliste presenti sul territorio per consentire maggiore tutela e benessere degli animali;
  3. Avviare una campagna costante di sterilizzazione in tutte le colonie feline volta a contenere il numero di gatti randagi. La sterilizzazione è una scelta etica e responsabile, un atto di rispetto verso gli animali, verso chi li accudisce e verso la società. Qualora ci fossero dei dubbi in merito riportiamo di seguito alcuni dei principali motivi sul perché investire dei fondi per la sterilizzazione sia molto importante, anche per coloro che non amano particolarmente questi animali;

o una gatta può partorire due/tre volte l’anno fino a 12-14 gattini;
o la maggior parte dei gattini sono femmine che entro 5-6 mesi dalla nascita sono già fertili per la riproduzione;
o durante gli accoppiamenti a territorio si diffondono virus gravi quali FIV(AIDS felina) e FELV (leucemia felina);
o i gatti maschi adulti non sterilizzati quando combattono tra loro per la

riproduzione si feriscono gravemente e così si contagiano con FIV e FELV;
o i gatti maschi adulti non sterilizzati attaccano anche le gatte (persinoquelle sterilizzate) e allo stesso modo diffondono FIV e FELV;
o l’agonia di gatti selvatici feriti può durare giorni prima di portare allamorte;
o i gatti interi (domestici e selvatici) vagano e tendono a disperdersi lungo

il territorio alla ricerca dell’accoppiamento;
o se un gatto randagio vi attraversa la strada mentre guidate sarà istintivo

evitarlo con un alto rischio di incidente (per entrambi);
o è drammatico soccorrere un gatto in agonia da incidente stradale e il

codice stradale impone il soccorso obbligatorio a tutti dal luglio 2010;

o quelli che si vedono morti sulle strade sono gatti maschi interi ma anche femmine gravide alla ricerca di cibo e riparo;

o i gatti maschi interi diventano aggressivi anche verso l’uomo;
o sia i maschi che le femmine non sterilizzati marcano con feci e più

spesso con urina puzzolente la propria presenza sul territorio;
o l’atto sessuale in un animale è solo un bisogno fisiologico dettato da un ormone, il gatto non è consapevole dell’eventuale privazione come non

è consapevole dell’eventuale aborto (nel caso di una gatta gravida); o vogliamo abbattere, combattere e battere finalmente il randagismo.

  1. Istituire un Ufficio comunale Diritti Animali dandogli una guida animalista. Il sito internet http://quattrozampe.provincia.savona.it è stato disattivato a settembre 2020. Il nostro obiettivo è quello di ripristinare un servizio simile rivolto ai cittadini;
  2. Ampliamento e riqualificazione di tutte le aree canine presenti sul territorio comunale e, allo stesso tempo, vi è la necessità di produrre un miglioramento della pulizia delle strade prevedendo distributori di sacchetti per la raccolta delle deiezioni, in modo da promuovere certi gesti di civiltà da parte dei padroni di animali e potenziando al contempo gli strumenti di controllo e sanzione per chi non rispetta la regola della raccolta delle deiezioni canine;
  3. Incentivare le adozioni istituendo dei buoni da spendere per l’acquisto di alimenti e spese veterinarie;
  4. Promozione di campagne di sensibilizzazione mirate rispetto al problema degli abbandoni di animali domestici. Anche in questo caso è fondamentale il contributo dell’associazionismo che si occupa di randagismo e la sua capacità di coinvolgere competenze specifiche in grado di analizzare il fenomeno dal punto di vista sociologico e antropologico fornendo utili indicazioni per la prevenzione e riduzione del fenomeno;
  5. Utilizzare i droni eliminando i tradizionali fuochi artificiali cambiando il nostro modo di festeggiare, senza arrecare danni all’ambiente e agli animali. I fuochi d’artificio, infatti, immettono nell’atmosfera diversi tipi di sostanze inquinanti – tra i quali polveri sottili e molti metalli pesanti – e a questo si aggiunge il fastidio che i botti procurano agli animali e ai bambini più piccoli, che nel primo caso può risultare anche letale.

Un verde urbano aperto, sicuro, curato e bello

  1. Avviareedaggiornareconcadenzaannualeuncensimentogeneraledelverde e metterlo in relazione al sistema informativo territoriale;
  2. Predisporre azioni per la manutenzione del verde pubblico rendendo i giardini accessibili a tutti: a tal proposito si intende inserire nuovi giochi inclusivi progettati e pensati per favorire la sensorialità e l’accessibilità da parte di tutti i bambini;
  3. Riqualificare la zona degli Orti Folconi sperimentando nuove forme di gestione dei parchi in collaborazione con il privato e/o il privato sociale anche favorendone l’adozione da parte di cittadini e associazioni per una gestione partecipata degli spazi connessa a benefici e/o incentivazioni legati ai tributi locali;
  4. Istituire un piano comunale del verde ed un bilancio arboreo da far confluire in una visione d’insieme nella cornice di una corretta progettazione del verde pubblico, in un’ottica orientata alla sostenibilità ambientale ed economica anche attraverso l’incentivazione e la promozione dell’adozione da parte di cittadini ed associazioni;
  5. Predisporre un piano del Verde, che accompagni il naturale ciclo di vita delle piante con nuove piantumazioni e sostituzioni dotando il bilancio comunale di un apposito capitolo di spesa e delle relative risorse finanziare;
  6. Valorizzare la “giornata dell’albero” e programmazione di nuove piantumazioni in relazione alle nuove nascite così come previsto dalla Legge n. 10 del 14 gennaio 2013;
  7. Effettuare campagne di prevenzione ed adottare misure sanzionatorie per abbandono rifiuti nell’ambiente;
  8. Potenziare la dotazione dei contenitori dei rifiuti con apposito raccoglitore delle sigarette per disincentivare l’abbandono sul suolo pubblico.

Lascia un commento

logo
Lista Sinistra per Savona

Elezioni Comunali Savona
3 e 4 ottobre 2021

Committente Responsabile: Maria Rita Zanella

Contatti

info@sinistrapersavona.it